Solidarietà agli studenti di Torino

Comunicato nazionale

Ieri mattina, 11 giovanissimi esponenti del movimento studentesco sono stati sottoposti a severe misure cautelari per gli scontri avvenuti il 18 febbraio a Torino davanti alla sede dell’Unione industriali, durante le manifestazioni per le morti avvenute in alternanza scuola lavoro: carcere, arresti domiciliari, obbligo di firma.

E’ una misura repressiva, pesante e sproporzionata che punta a punire l’intero movimento studentesco. Ragazzi e ragazze che manifestavano giustamente per la sicurezza sul lavoro e per una scuola che insegni loro molto più che un mestiere e che sono stati, in quelle settimane, attaccati in tante città dalla polizia, ovunque schierata a difesa di Confindustria.

Le stesse forze dell’ordine che pochi mesi prima, a ottobre, avevano invece accompagnato i fascisti in Corso Italia, lasciandoli vandalizzare indisturbati la sede della Cgil.

Questo «ordine sociale» è marcio: punisce chi manifesta per la scuola e un lavoro sicuro, mentre difende chi, per il proprio profitto, aggira le norme sulla sicurezza. Piena solidarietà ai ragazzi colpiti dalla repressione e all’intero movimento studentesco. Non mollate! Voi siete la parte migliore di questo paese. La Confindustria e chi così violentemente la difende, la parte più miserabile.

#RiconquistiamoTutto in Cgil

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: