Modena: contro ogni provocazione fascista

La vile provocazione fascista ai danni della Fiom di Modena – lo striscione delirante affisso ai cancelli della sede sindacale a firma di un gruppuscolo nazista – conferma che il pericolo fascista non è solo simbolico o culturale, ma si esprime ormai a un livello pericolosamente militante.
Lo striscione in sé è innocuo, ma l’atto di colpire il sindacato e rivendicarlo pubblicamente, conferma che questi provocatori, oggi si sentono legittimati a uscire dai ghetti a cui la storia li ha condannati.
Meno di una settimana fa, alcune migliaia di neofascisti romani, erano placidamente mischiati in mezzo ai manifestanti convocati dall’ex ministro degli interni, in un cortocircuito di relazioni pericolose. Questo è lo stato reale del paese oggi; l’indifferenza è peggio della complicità.
Prima che anche su questo territorio fascismo e razzismo trovino radicamento, bisogna togliere ogni agibilità pubblica a questi gruppuscoli, chiudere il Circolo Terra dei Padri, che è uno dei luoghi di raccordo di tali aree, rilanciare in mezzo ai giovani e giovanissimi la memoria della Resistenza come processo rivoluzionario – altro che “memoria condivisa”.
Il sindacato non dovrà mai fare un passo indietro, perché la storia insegna che il fascismo è, prima di ogni altra cosa, reazione antioperaia: e proprio nelle organizzazione sindacali (quelle vere) cerca il suo primo nemico.

RICONQUISTIAMO TUTTO Opposizione Cgil Modena

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: