CD CGIL. E.Como: congresso, j’accuse!

Intervento di Eliana Como al direttivo nazionale CGIL, 23 luglio 2018.

Prima di iniziare, ci tengo a dire una cosa che non c’entra con questa discussione. È avvenuta un po’ di tempo fa, ma aspettavo a dirla a voce alla segretaria generale ed è la prima volta che la vedo. Ho letto dei commenti disgustosi sulla nostra partecipazione – e in particolare sulla sua presenza – al Pride di Roma. Su una foto (bella!) di Susanna accanto a due gay, ho letto commenti pieni non soltanto di omofobia, ma anche di misoginia.  E siccome penso che prima di tutto siamo una organizzazione di uomini e donne (per fortuna!), ci tenevo a dare a Susanna, di persona, la mia solidarietà.

Ora però ho cose un po’ più sgradevoli da dire. Nell’introduzione la segretaria ha detto che, di fronte alla situazione politica che stiamo vivendo abbiamo la straordinaria opportunità di fare migliaia di assemblee per parlare con i lavoratori e le lavoratrici. E ha detto che, tanto più in questa fase e con questo clima, è importante avere la più alta partecipazione possibile a questo congresso.

Guardate, io sono d’accordo, ma non mi torna qualcosa! Perché quello che vedo io, da quando è iniziato il congresso, ormai un mese intero, è esattamente il contrario: le assemblee proprio non si fanno (ci sono intere categorie e territori che dal 20 giugno non hanno fatto mezza assemblea) oppure si fa di tutto perché non ci si possa confrontare.

Allora, visto che la segretaria nell’introduzione ha lamentato che ci sarebbe da parte di chi sostiene il secondo documento “poco senso di appartenenza”, vi dico cosa invece non piace  me di quanto sta accadendo in questo congresso. E sono tante cose, credetemi, però – diciamo così – su alcune “sorvolo”.  Sorvolo non significa affatto che mi vanno bene. Ma solo che qui “sorvolo”… (si fa per dire).

Sorvolo, per esempio, sulle assemblee dello SPI convocate nelle sedi del PD. È accaduto a Genova e a Bologna.

Sorvolo su assemblee dove votano in migliaia con seggi aperti cinque giorni senza alcuna comunicazione alla commissione di garanzia. È accaduto a Roma, all’ospedale Bambin Gesù.

Sorvolo sulle assemblee spostate a blocchi di 10, tutte insieme. Non so per quale evento improvviso o imprevedibile, se non il fatto che si fossero segnati per partecipare i relatori del secondo documento. Dove poi mi segno io, salvo rare eccezioni, “rimandata a data da destinarsi”. È accaduto alla Fiom di Firenze.

Sorvolo anche sulla incredibile diversità di partecipazione: dove sono presenti i relatori del secondo documento (qualche decina di persone); dove noi non ci siamo, sono tutti presenti tutti e tutti votano.

Sorvolo anche sul fatto che non ho ancora visto – giuro! – una stampa del documento. Susanna, se i documenti brevi servivano a non distribuire le sintesi e consegnare invece i documenti interi, sappi che invece non si consegnano né gli uni né gli altri.

Sorvolo qui in questa sede. Ripeto, non perché sia disposta a lasciar perdere, tutt’altro. Minoranza sì, ma ingenui proprio no!

Il punto è che, sebbene sia relativamente più giovane di quasi tutti voi, non è il primo congresso che faccio. E peraltro li ho fatti tutti in minoranza. Anzi quasi tutti. Perché un congresso, quello del 2010, mi è pure capitato di farlo nella maggioranza della mia categoria (minoranza nella Cgil, ovviamente). Quando era la mia categoria a presentare un documento alternativo e a pretendere il rispetto della democrazia e della pari dignità. Anche se forse per qualcuno è storia così passata da esserselo dimenticato.

Lo sapevo che MAI ci sarebbe stata pari dignità nella presentazione dei due documenti. Che le CGT sarebbero state autoreferenziali, che ci sarebbero stati i seggi aperti per giorni. Non vengo qui a fare Alice nel paese delle meraviglie. Lo sapevamo anche quando abbiamo difeso nella commissione del regolamento la possibilità stessa che ci fosse un documento con il 3% del direttivo e si potesse presentarlo nelle assemblee. Vi ricordate, no? Discussione e regole che abbiamo tutti condiviso. Tanto che, piaccia o meno (e qualcuno non piace proprio), in questo congresso ci sono due documenti, perché quelle regole abbiamo condiviso.

Allora, sorvolo su tutto questo, ma non tollero (e non capirei come potreste tollerare voi) che quanto sta accadendo in questa prima fase del congresso va bene oltre la pure sacrosanta illusione della pari dignità dei documenti, perché si sta umiliando e mortificando un documento e con esso (cosa ben più grave) i compagni e le compagne che lo sostengono.

Non posso tollerare che si convochino assemblee congressuali in aperto contrasto con i delegati di fabbrica, programmandole durante il periodo di ferie, che sia il 31 luglio o il 4 settembre, come è accaduto a Firenze alla Gkn.

Non posso tollerare che un segretario generale si arroghi a tal punto del suo potere di convocare le assemblee da impedire di farle quando le propone il funzionario e i delegati, rimandandole chissà quando a settembre, quando probabilmente quei lavoratori saranno in cassa integrazione. Rispondendo come se niente fosse: le assemblee si fanno quando come e SE lo decido io. È successo alla Same di Treviglio, 18 delegati su 22, tutti dell’area e 600 iscritti alla Fiom.

Non posso tollerare che in alcune fabbriche di Brescia, i funzionari della Fiom possano a tal punto sostituirsi al padrone, dal mettersi loro a dire chi può entrare in fabbrica a fare l’assemblea e tenere fuori un COMPAGNO della stessa categoria ma di un territorio accanto, regolarmente accreditato presso la Commissione di garanzia. “Tu sei di Bergamo, cosa vuoi qui a Brescia”. Con il padrone disponibile a farti entrare e il funzionario Fiom che ti tiene fuori. Sostenendo poi in una lettera alla Commissione “oggi si sono presentati a fare il congresso PERSONE non meglio conosciute che si sono qualificati come relatori del secondo documento”. Estranei insomma. Parliamo di compagni del Comitato centrale della Fiom, del direttivo regionale della Fiom e persino del direttivo della CGIL Lombardia.

E, finisco, non posso tollerare che si possa dire a una compagna di questo direttivo nazionale che NON può andare a fare una assemblea congressuale nella catena di supermercati dove lei stessa lavora perché, per non si capisce quale strana regola inventata a questo congresso, si è annunciata solo 36 ore prima invece che 48 (ma anche qui, mica è l’azienda che fa problema, è la segretaria organizzativa). È successo alla Filcams di Bologna. E fin troppo garbata è stata la compagna da non forzare e pretendere di entrare lo stesso, per non creare tensioni di fronte ai lavoratori e alle lavoratrici. Come d’altra parte hanno fatto a Brescia, i compagni del secondo documento: fin troppo bravi a non raccogliere le provocazioni, nonostante siano stati pesantemente insultati e in qualche caso più o meno aggrediti. Ragione per cui, ve lo dico subito, non mi venite a dire (già alludeva a questo l’introduzione), che sono i nostri compagni a offendere o perdere la calma. Non me lo dite, perché talmente tanto è falso che per dimostrare che noi insultiamo, ho sentito che si citano comunicati non nostri, di organizzazioni politiche di cui proprio non rispondo. E si vede che se si citano comunicati di altri è proprio perché non si è trovato di meglio cercando tra i nostri documenti.

E non mi dite nemmeno: fai ricorso. Certo che lo faccio. L’ho già fatto! Ma il tema non è il regolamento, o meglio non è solo il regolamento. Il punto è politico. Risponde così anche la CGN, sul quesito che su questi episodi ho presentato e che, giustamente!, mi risponde esattamente che non può esprimersi perché il punto è politico, non regolamentare. Per questo lo porto qui a questo direttivo. Certo che il punto è politico, perché attiene al rispetto di compagni e compagne di questa organizzazione, indipendentemente dalla loro opinione. Non si tratta nemmeno della dignità di un documento! Si tratta di rispetto dei nostri compagni.

Lo dico soprattutto a te Susanna, visto che hai detto nell’introduzione che avremmo “poco senso di appartenenza”. Chi ha poco senso di appartenenza? Delegati che si prendono giorni di ferie per andare a fare assemblee nelle quali non li fanno nemmeno entrare oppure segretari che rispondono “si fa come quando e se voglio io” e si sostituiscono al padrone con “tu in questa fabbrica non entri perché non sei di Brescia”.

E saremmo noi ad avere “poco senso di appartenenza”?!!! Ma che dobbiamo fare più di così per dimostrare senso di appartenenza! Oppure “senso di appartenenza” significa che non dobbiamo avere una posizione differente da quella della maggioranza! Quello continuerò ad averla, finché le regole me lo consentiranno, non ci sono dubbi. Poi se volete, mi metto anche la spilletta della Cgil per dimostrarvi senso di appartenenza. Se me la regalate, la metto anche subito.

E guarda, Susanna, ho denunciato dei casi specifici, nominandoli per nome e per cognome. Tu nell’introduzione hai citato una condizione generica. Ti invito a circostanziare episodi che pensi violino il nostro senso di appartenenza. Se ci sono cosa di cui devo rispondere come prima firmataria del documento, sono disposta a farlo anche subito. Altrettanto però chiedo a te e alla segreteria di rispondere a quello che ho appena denunciato io.

Eliana Como

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: