Solidarietà internazionale: No al licenziamento di Gael Quirante!

Gaël Quirante, segretario dipartimentale di SUD Activités Postales 92 (sindacato lavoratori postali) e militante del Front Social, sta subendo un abuso disciplinare ingiustificato.

Già nel passato le Poste hanno diverse volte tentato di licenziarlo e, altrettante volte, tali procedure sono state giuridicamente respinte. Un’autentica vessazione disciplinare: 10 tentativi di licenziamento in 14 anni e una serie di sospensioni dal lavoro per un totale di quasi un anno.

In particolare nel 2010 si è provato a licenziarlo con l’accusa di sequestro per la partecipazione ad un’occupazione della direzione dipartimentale delle Poste: il suo licenziamento venne successivamente respinto dall’Ispettorato del Lavoro nel 2010, dal Ministero del Lavoro nel 2011, infine dal Tribunale Amministrativo nel 2014.

Ad aprile scorso la Corte d’ Appello del Tribunale Amministrativo di Versailles ha annullato le 3 precedenti decisioni, riaprendo l’intera procedura! L’ Ispettorato del Lavoro ha nuovamente rigettato il suo licenziamento, ma ormai sarà la Sig.ra Penicaud, Ministro del Lavoro ed ex responsabile delle risorse umane di Danone, a decidere della vicenda di Gaël!

Come altre/i militanti del movimento sociale, Gael è colpito da una repressione che costituisce un attentato ai diritti democratici delle lavoratrici e dei lavoratori. Se rischia di essere licenziato, è infatti in ragione della sua attività di rappresentante sindacale. Le Poste infatti stanno provando da anni a colpire i sindacalisti combattivi. Dal 201o la somma delle sanzioni implicanti la sospensione dal lavoro ha raggiunto i 14 anni nei confronti delle/dei militanti SUD e CGT (sindacati francesi) solo nell’ Ile- de- France (area metropolitana di Parigi)! Solamente a Olivier Rosay é stata comminata la sospensione dalle funzioni per un totale di 69 mesi! Oggi questa logica repressiva colpisce l’insieme del mondo del lavoro: più di 4000 procedimenti disciplinari o penali sono stati intentati contro lavoratori in sciopero o manifestanti dal movimento del 2016 contro la Loi Travail.

Come Sindacatoaltracosa-OpposizioneCGIL, in Italia come in Europa come in ogni parte del mondo, siamo sempre a fianco di ogni compagno ed ogni compagna colpito nella sua lotta sindacale. Per questo invitiamo ad attivarsi per essere partecipi nella solidarietà, nella mobilitazione per Gaël:

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: