Modena. Vergognoso il licenziamento di Massimo

sindacatoaltrocosa - opposizione cgil Modena

Ci uniamo tutt* alla denuncia dei compagn* di Modena e alla solidarietà a Massimo.

Modena, 05/12/17

Abbiamo appreso con sdegno del licenziamento del compagno Massimo Albinelli, delegato RSU della Ascot di Solignano e attivista storico della sinistra sindacale modenese. Insieme a lui, altri due lavoratori sono stati licenziati, tutti con la vile motivazione di “soppressione di mansione”. Ci stringiamo con forza intorno a Massimo, invitiamo tutti a sostenere le iniziative di mobilitazione che i lavoratori Ascot metteranno in campo per tutelare il loro delegato – a partire da domani mattina -, e sollecitiamo tutta la CGIL modenese ad una reazione forte contro l’arroganza padronale: il provvedimento contro Massimo e i suoi colleghi, è assolutamente un licenziamento politico, piovuto non a caso dentro una fase di scontro in azienda per il rinnovo del contratto aziendale. La Cgil non può consentire che un suo delegato sia cacciato nell’esercizio delle sue funzioni: ne va della tenuta complessiva dell’organizzazione sui posti di lavoro e della credibilità stessa del sindacato. Nella provincia di Modena dilaga la precarietà dentro le aziende; interi comparti, come quello agroalimentare, vivono condizioni ormai conclamate di sfruttamento e illegalità; diverse vertenze restano aperte (vedi Vapor o Fritz Hansenberg) con centinaia di posti di lavoro a rischio e lotte di alto profilo; se aggiungiamo anche la piaga dei licenziamenti politici e il terrorismo contro i delegati, possiamo dire che la misura è colma: L’ARROGANZA DI CONFINDUSTRIA MODENA VA SANZIONATA CON UNO SCIOPERO GENERALE PROVINCIALE, CHE RAPPRESENTA L’UNICO MODO PER RICOMPRENDERE DENTRO UNA UNICA GRANDE VERTENZA LAVORO, LE CRISI E LE MOBILITAZIONI CHE STANNO SEGNANDO QUESTO TERRITORIO. UNO SCIOPERO CHE SIA ANCHE UNA PROSECUZIONE CONCRETA DELLA MOBILITAZIONE CONTRO LA LEGGE FORNERO E CHE METTA AL SUO CENTRO, A QUESTO PUNTO, ANCHE IL CONTRASTO A OGNI FORMA DI LICENZIAMENTO E REPRESSIONE ANTISINDACALE DENTRO LE AZIENDE .

Al fianco di Massimo e dei suoi colleghi, senza se e senza mai, fino al pieno reintegro nel suo posto di lavoro e di delegato!

I compagni e le compagne de IL SINDACATO E’UN’ALTRA COSA – OPPOSIZIONE CGIL Modena

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: