Modena. Respingiamo le provocazioni fasciste contro la CGIL.

Comunicato del sindacato è un'altra cosa - Opposizione CGIL Modena

Comunicato sindacato è un’altra cosa Modena
La provocazione messa in atto la notte scorsa, ad opera del gruppuscolo nazi-fascista “Azione Identitaria”, che ha affisso manifesti dai toni xenofobi sulle sedi sindacali di alcune città emiliane – tra cui la Camera del Lavoro di Modena –, dà la misura della gravità della situazione in questi territori, che più volte avevamo denunciato nei mesi scorsi. I fascisti, mai come oggi, nel degrado complessivo della vita democratica, sentono di poter godere di impunità e indifferenza nelle loro scorribande vigliacche.
Nei mesi scorsi, in coincidenza con l’apertura del Circolo “Terra dei Padri” la Modena antifascista si è mobilitata con forza ed efficacia. Oggi è arrivato il momento di rilanciare quella mobilitazione, nelle forme di un grande corteo cittadino, da tenersi in tempi brevi, per ottenere la chiusura delle sedi fasciste e l’inagibilità, sul territorio, di ogni presenza o iniziativa che evochi il razzismo, la xenofobia, l’incitamento alla guerra tra poveri.
Stupisce la passività su questo terreno di Prefetto, Questore e Procura: questi organi sono iperattivi quando si tratta di sgomberare edifici occupati da sfrattati, o attaccare i picchetti sindacali in aziende come la Alcar; tacciono invece, davanti ai rigurgiti fascisti, consapevoli che questa destra primitiva e miserabile, come sempre, svolge una “funzione d’ordine”, lavorando nell’ombra contro ogni pratica di cambiamento, di solidarietà e di conflitto.
Respingiamo le provocazioni fasciste
Rilanciamo l’antifascismo, a partire dalle generazioni più giovani
Rilanciamo il conflitto di classe, unico antidoto alla barbarie in cui la crisi del capitalismo sta gettando i popoli.

 

Pubblichiamo anche l’ordine del giorno approvato all’unanimità dal direttivo Cgil di Modena e presentato da nostri compagni.

Il direttivo provinciale della Cgil di Modena esprime forte allarme e preoccupazione rispetto agli ultimi episodi che si sono verificati in città.
È delle ultime ore il rinvenimento di volantini e manifesti xenofobi di incitamento all’odio razziale posti davanti ad alcune sedi della nostra organizzazione.
Nei giorni scorsi l’affissione di uno striscione posto all’entrata del mercato Albinelli chiaramente di stampo razzista e xenofobo.
Con forza, mesi fa, abbiamo denunciato la nostra avversione per l’apertura del circolo pseudo-culturale”Terra dei Padri”, dove si promuove proselitismo fascista e xenofobo nel territorio, e di cui proponiamo l’immediata chiusura, *poiché in contrasto con la Costituzione che vieta l’apoligia del fascismo*
Sulla base di questi avvenimenti il direttivo ritiene opportuna una presa di coscienza ed una risposta politica altrettanto forte sulla deriva xenofoba e razzista nel nostro territorio.

approvato all’unanimità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: