Piaggio. Al referendum sulla vertenza aziendale, votiamo NO

comunicato rsu FIOM Piaggio

Come i lavoratori sanno,

dal giorno dopo le assemblee di Luglio, in cui erano state poste chiare ed irrinunciabili condizioni a trattative sulla Solidarietà, sono partite le manovre e le tresche per aggirare le loro decisioni e rispondere con un “obbedisco” alla chiamata dell’azienda.

Già il 18 Luglio, dopo il rifiuto della Piaggio a trattare sui punti richiesti dai lavoratori,denunciammo l’approvazione, da parte della RSU, di un ordine del giorno per firmare comunque la Solidarietà e lasciare ai lavoratori soltanto la possibilità di dire un SI’ o un NO a cose fatte.

Dopo diverse riunioni in cui la Piaggio li ha messi alle strette, la maggioranza della RSU e le Segreterie Provinciali di FIOM, FIM e UILM hanno deciso che era ora di stringere i tempi. Il 28 ottobre, infatti, la RSU ha bocciato la mozione presentata da noi, maggioranza dei delegati FIOM, che pretendevamo il rispetto della volontà dei lavoratori. Hanno poi deciso il rinvio di ogni rivendicazione a dopo la chiusura sulla Solidarietà e addirittura respinto la richiesta di un’assemblea retribuita prima di andare a trattare con l’azienda.

In tutta la vicenda il ruolo dell’USB è stato solo comico: costretti prima a sostenere la nostra posizione nelle assemblee di Luglio, nell’ultima RSU i delegati USB hanno sconfessato se stessi due volte, votando contro i risultati di quelle assemblee e sostenendo la decisione di rinvio. Per di più, i delegati USB si sono fatti promotori della costruzione di una nuova Piattaforma insieme a FIM e UILM, che non ha altro scopo che affossare la Piattaforma FIOM approvata tre anni fa da 1200 lavoratori (quasi l’unanimità dei votanti), e da loro stessi sostenuta.

Dopo la riunione di giovedì scorso, in cui l’azienda ha chiesto una soluzione in tempi rapidi, FIM, UILM e il Segretario provinciale FIOM hanno deciso di dar seguito al loro schema di Luglio: assemblee di pura informazione e referendum su un accordo già pronto.

Gli argomenti in favore della firma sono solo pretestuosi e ridicoli: dire che la Solidarietà è meglio della CIG perché può coprire fino a tre anni su cinque di sospensione del lavoro vuol dire prevedere di stare a casa sette mesi l’anno! Non c’è poi niente di più chiaro e sperimentato di quanto valgano gli “impegni” a discutere delle Meccaniche! Se poi si aggiungesse l’ennesima firma sulla mobilità di 180 persone, anche considerando il 25% di trasformazione dei ptv, il risultato sarebbe la perdita di altri 150 posti di lavoro.

In realtà, come dimostra l’esperienza degli ultimi anni e come è anche chiaro dai quattro mesi di insistenza della Piaggio, la Solidarietà è importante per l’azienda perché le fornisce strumenti di totale flessibilità ed arbitrio nella gestione del’orario di lavoro e di ricatto e discriminazione nei confronti dei lavoratori. Ma soprattutto, all’azienda preme dimostrare che i lavoratori non possono dire NO alle sue richieste, né mettere condizioni sui contenuti e gli obiettivi delle trattative.

Quello che piace all’azienda sono sindacati e RSU ubbidienti, disponibili a subire i piani della Piaggio (diminuzione occupazione, aumento prodotti importati, aumento carichi di lavoro), che si limitano a chiedere l’elemosina e si adoperano per spegnere ogni iniziativa dei lavoratori tesa a rivendicare reali cambiamenti a partire dalle proprie esigenze… COME I LAVORATORI SANNO.

AL REFERENDUM VOTIAMO NO!

RSU FIOM

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: