Almaviva. Oggi noi, domani l’intero settore

comunicato sindacatoaltracosa telecomunicazioni

scarica il volantino

PER LO SCIOPERO NAZIONALE DELLE TELECOMUNICAZIONI!!!

Ancora sacrifici: è questa la proposta che la Direzione Aziendale di Almaviva Contact, durante l’incontro del 27 Ottobre al Mise con Ministero e Sindacati in seguito all’accelerazione del Governo su norme stringenti per regolamentare il settore, pone come condizione per rilanciare l’azienda contro i licenziamenti. Una proposta che si fonda sulla flessibilità e sulla diminuzione del costo del lavoro con la sospensione degli istituti contrattuali, sul monitoraggio individuale sulla produttività, sul principio di responsabilizzazione di tutti gli attori economici e sociali (lavoratori, sindacati, impresa) attraverso la partecipazione agli “utili” dell’azienda e alle sue scelte nel CdA, su un piano formativo di riconversione dei lavoratori verso altre professionalità e su un piano di incentivazione all’esodo. Una ricetta già vista similmente nel 2014 che esclude l’uso degli ammortizzatori sociali e quindi la presenza degli esuberi ma che si basa sull’abbassamento del costo del lavoro, una sua ulteriore flessibilità e l’aumento ipotetico dei ricavi attraverso il controllo da remoto e individuale della produttività, utile per “legalizzare” ulteriori pressioni, mettere i lavoratori in competizione tra loro in una gara, nella peggiore delle ipotesi, ad eliminazione diretta e indiretta.
Una proposta complessivamente inaccettabile cosi come ancora non condivisibile resta per noi l’impianto dell’accordo del 31 Maggio che Ministero e la maggior parte dei Sindacati ritengono ancor oggi come l’unica alternativa percorribile contro i licenziamenti ma che attualmente si caratterizza per un profondo squilibrio tra siti e l’attuazione prefigurata del monitoraggio individuale. La proposta dell’azienda ha generato la giusta risposta delle organizzazioni sindacali con la proclamazione dello SCIOPERO NAZIONALE DI TUTTI I LAVORATORI ALMAVIVA, uno strumento per noi fondamentale per rivendicare l’unità del nostro lavoro indipendentemente dai territori di appartenenza e per ribadire coerentemente che è inaccettabile in questi mesi la presenza di sperequazioni dei volumi di lavoro tra diverse sedi e l’utilizzo di lavoro somministrato nei siti non impattati dall’accordo del 31 Maggio.
Come abbiamo dimostrato, il nostro lavoro non può dividerci, la solidarietà, la condivisione, l’unione sono i valori che possono permetterci di vincere Insieme questa battaglia.

Lo sciopero è il nostro mezzo principale di lotta e di rivendicazione, quello nazionale è oggi assolutamente necessario ma per noi Opposizione-CGIL non sufficiente.. abbiamo bisogno del sostegno di tutti i lavoratori del settore PER UNO SCIOPERO DI TUTTI I LAVORATORI DELLE TELECOMUNICAZIONI, non è infatti solo la lotta contro i licenziamenti; è la lotta contro i trasferimenti dei lavoratori Almaviva di Enel a Palermo per l’attuazione totale delle Clausole Sociali, che permetterebbe di salvaguardare lavoro, diritti e dignità; è la lotta contro la disdetta dei contratti integrativi di secondo livello in una azienda strategica come TIM; è la lotta contro i tagli su occupazione, ricerca e sviluppo in Ericcson; è la lotta contro i call center nei sottoscala senza alcuna tutela; è la lotta contro il precariato e il non rispetto dei contratti nazionali; è la lotta per un miglior Contratto Collettivo Nazionale delle TLC che superi il Jobs Act; è la lotta contro il controllo da remoto e individuale; è la lotta per la concretizzazione delle promesse delle ultime settimane del Governo di un serrato contrasto alle gare al massimo ribasso dei committenti che non rispettano il CCNL e alla delocalizzazione che non lascia più scuse nella regolamentazione degli appalti; è la lotta per una strategia nazionale e industriale del settore che si fondi su lavoro, innovazione, formazione collettiva e non sfruttamento; è la lotta per il salario, i diritti, la democrazia, la dignità e la libertà nel lavoro!

LA VERTENZA TLC è UNICA e siamo tutti giunti ad un punto di saturazione.. perciò invitiamo tutti i lavoratori allo SCIOPERO NAZIONALE del 10 Novembre PER RIVENDICARE INSIEME LO SCIOPERO DI SETTORE!!
CHI LOTTA PUO’ PERDERE CHI NON LOTTA HA GIA PERSO!!
per contatti: opposizionecgil.telco@gmail.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: