Pensioni. Ma quale “novità positiva”?

Al danno di ulteriori tagli, si aggiunge la beffa del regalo alle banche

In Italia abbiamo avuto la peggiore contro-riforma pensionistica d’Europa, che ha portato i lavoratori e le lavoratrici del nostro paese a dover andare in pensione ben oltre i 67 anni (in prospettiva ben oltre i 70 anni) e con un sistema totalmente contributivo che determinerà pensioni da fame.

Se non bastasse, il tavolo avviato ieri tra governo e parti sociali ha annunciato l’ipotesi che chi dovesse optare per l’uscita anticipata dovrà farlo con un “prestito” con le banche, da rimborsare in 20 anni. Se passasse questa misura, come si legge dai giornali, i nati tra il 1951 e il 1955 potrebbero avere uno “sconto di pena” di 3 anni, attraverso una sorta di mutuo che costerebbe però fino al 15% sull’assegno di pensione.

Oltre al danno la beffa! Prima allungano oltre ogni possibilità l’età pensionabile, poi bontà loro ti permettono di uscire prima, ma riducendone ancora il valore e consegnandoti nelle mani delle banche. Così, si rende la legge Fornero soltanto più “sostenibile” per le imprese, che hanno tutto l’interesse a espellere dal processo produttivo, dopo una certa età, lavoratori e lavoratrici poco “produttivi”, facendone pagare il prezzo a quegli stessi lavoratori e lavoratrici. Per di più passando attraverso le banche, e così arricchendole in un momento per loro di crisi dei bilanci (per i miliardi di investimenti e di prestiti in sofferenza, che hanno alimentato enormi speculazioni finanziarie o sono stati distribuiti ad amici e consorterie), dopo che la stessa contro-riforma ha cancellato la mobilità, spesso usata dalle imprese proprio come accompagnamento alla pensione.

Dopo le misere 3 ore di sciopero nel 2011, quando la riforma Fornero fu approvata dal governo Monti, negli attivi unitari interregionali di dicembre, la CGIL aveva promesso che sulle pensioni avrebbe riaperto un fronte di mobilitazione. Non ci abbiamo mai creduto, ma comunque anche i buoni propositi sembrano già finiti! La nota della CGIL sull’incontro di ieri si spinge fino a dire che “c’è qualche novità positiva”!

Il confronto proseguirà il 23, il 28 e il 30 giugno. Viene proprio il dubbio che di “positivo” possa esserci soltanto la convocazione di un tavolo, cioè l’aspirazione della CGIL (mai superata) di fare concertazione. Anche quando la contropartita è tutta a perdere per i lavoratori e le lavoratrici e si continua a regalare pace sociale in cambio di niente. Non fosse poi del tutto evidente che è il Governo stesso che non vuole davvero la concertazione!

Una linea così da parte della CGIL è inconcludente e destinata soltanto a fallire.

sindacatoaltracosa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: