Livorno. Iss Palumbo. No all’accordo!

di Anna Della Ragione Coordinatrice "Il sindacato è un'altra cosa- opposizione CGIL" - Livorno

L’accordo sindacale sottoscritto con l’Iss Palumbo è l’ennesimo esempio di rinuncia da parte della CGIL a qualsiasi volontà di opporsi alle esigenze padronali.
In nome del riconoscimento del proprio ruolo formale nelle trattative da parte della controparte e delle istituzioni, si è accettato ancora una volta una pesante riduzione di personale, di salari, di diritti aumentando sfruttamento e precarietà.
Questa ennesima sconfitta è la conseguenza diretta degli accordi precedentemente firmati nel mese di agosto, al rinnovo degli appalti delle ditte di manutenzione in ENI, che sono risultati essere tutti interni ad una logica di “gestione della miseria” e di accettazione di quel Jobs Act che solo a parole la CGIL dice di voler combattere.
La stessa logica che ha portato alla firma dell’accordo Iss Palumbo che non può certamente essere giudicato “sufficiente” di fronte a 7 licenziamenti e non può essere considerato neppure un punto di arrivo, né tanto meno un punto di partenza, per delle trattative di secondo livello che, al massimo tenteranno di garantire recuperi parziali di salario, scaricando però definitivamente i lavoratori oggi “esclusi”, o meglio, lasciati a casa.
E’ necessario un atto di coraggio e di solidarietà  da parte di tutti i lavoratori della Iss Palumbo.
Alla consultazione che la stessa CGIL ha preannunciato i lavoratori e le lavoratrici devono rigettare questo accordo, unica possibilità per riaprire le trattative e garantire a tutti il ritorno al lavoro alle precedenti condizioni salariali (limitando il ricorso al lavoro straordinario).
Contemporaneamente bisogna aprire una vertenza generale capace di coinvolgere tutti i lavoratori e le lavoratrici, di tutte le categorie, che operano nello stabilimento ENI.
Basta con i tavoli di raffreddamento e incontri istituzionali in Prefettura: bisogna rilanciare le mobilitazioni “calde” e il protagonismo dei lavoratori e delle lavoratrici nei luoghi di lavoro, a partire dallo stabilimento ENI di Stagno.
Se colpiscono un@ colpiscono tutt@!

Anna Della Ragione
Coordinatrice “Il sindacato è un’altra cosa- opposizione CGIL” – Livorno

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: