Comune di Roma. Riapre la trattativa sotto il segno della repressione

di Armando Morgia, RSU Cgil Roma Capitale

Il Comune di Roma riapre la trattativa sul contratto sotto il segno della repressione.

Un giorno prima della riapertura della trattativa sul contratto decentrato di 24000 dipendenti di Roma Capitale la direttora del dipartimento delle politiche educative e scolastiche redige una circolare riservata indirizzata ai direttori dei Municipi per vigilare sul comportamento degli insegnanti, a sua detta colpevoli di ledere l’immagine dell’amministrazione e di avere rapporti con la stampa e con i genitori.

Nella stessa nota si invitano i direttori a vigilare sulla condotta delle insegnanti e di procedere a sanzioni disciplinari nel caso di violazioni del codice di comportamento.

Una circolare di una gravità inaudita per il contesto in cui accade e per il carattere riservato della nota, che nasconde un indirizzo alla repressione e non un eventuale invito alla distensione.

Vergognoso e ridicolo che l’amministrazione di fronte all’indagine di Mafia Capitale, con il coinvolgimento di alte responsabilità amministrative e politiche, pensi che l’immagine della nostra città sia lesa dal comportamento delle insegnanti.

E’ invece chiaro che la scelta della nota sia un incitamento alla repressione della mobilitazione nei confronti del settore educativo, molto combattivo in questo anno di vertenza, dopo la già avvenuta criminalizzazione di tutti i colleghi della polizia municipale.

Una nota che reprime la libertà di espressione e di pensiero tutelato costituzionalmente mentre la nostra direttora fa riferimento ad articoli del codice di comportamento di una pubblica amministrazione ottocentesca.

A questo punto è la politica che deve una risposta, in particolare il sindaco Marino, l’assessore al personale Nieri, e l’assessore alle politiche educative Masini devono chiarire quale è la loro posizione, se cioè hanno condiviso o condividono questa circolare repressiva e intimidatoria, nel qual caso dovrebbero immediatamente presentare le loro dimissioni o nel caso in cui fosse una autonoma iniziativa della direttora, si dovrebbe procedere ad un immediato sollevamento dall’incarico.

Armando Morgia

RSU CGIL Roma Capitale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: