Nota sul ccnl dei bancari

Sindacatoaltracosa in Fisac

Bancari: Il sindacato che evita il conflitto continua a firmare Contratti Nazionali di restituzione e riconosce  il contratto a tutele crescenti previsto dal job act: la rivolta dei lavoratori contro questa  dirigenza sindacale e  i banchieri  é la risposta possibile perché il sindacato è un’altra cosa…
E’ stato firmato all’alba  del  1° aprile   il contratto nazionale dei bancari: la firma dell’ipotesi  avviene dopo la rottura delle trattative avvenuta settimana scorsa con il conseguente annuncio  di 2 giornate di sciopero che avrebbero fatto seguito a quello nazionale del 30 gennaio riuscitissimo con relative manifestazioni affollatissime di lavoratori. Nella scorsa settimana  invece di avviare le procedure obbligatorie di legge per proclamare la data degli scioperi (il settore é soggetto alla legge 146 sullo sciopero nei servizi  essenziali)   ci sono stati contatti ed incontri  con la controparte al fine di verificare la ripresa delle trattative che, puntualmente, è avvenuta con convocazione da parte di ABI lunedì 30,  ma senza che i banchieri  rimuovessero la minacciata non applicazione di alcun contratto  dal 1° di aprile. Le trattative sono continuate fino alla firma all’alba.
Anche la  Fisac-Cgil  accetta, con dichiarazione esplicita nel contratto, il contratto a tutele  crescenti  previsto dal job act per tutti gli assunti  successivamente al  7 marzo 2015 (entrata in vigore del decreto attuativo).  Alla  faccia della lotta per il contrasto al job act nei contratti lanciata dal direttivo nazionale CGIL. Avevamo ragione a dire che la CGIL si era ritirata dopo lo sciopero del 12 dicembre. Ci si accontenta  invece di dire che le cessioni di personale  ad altro datore di lavoro avvengono nella legislazione italiana con continuità di rapporto introducendo così un concetto lapalissiano: se c’è la tutela legale  non possiamo eliminarla. Dimentichi del fatto che Marchionne ha insegnato ai padroni  che se ci sono sindacati complici per fare una Newco (Pomigliano) si licenziano tutti e si riassumono nella nuova società…  e grazie al job act addio art 18 anche per i  vecchi…
Il contratto durerà   fino al 31 12  2018: ma le organizzazioni sindacali confederali  non hanno  sostenuto e firmato  che il modello contrattuale deve essere triennale?   E, cosa grave in questa trattativa tutta fondata  sulla minaccia di  Abi di non applicare i contratti scaduti, nulla si prevede per l’ultrattività dopo la scadenza.

Il primo aumento salariale (irrisorio, 25 euro lordi) avverrà a ottobre 2016 ben due anni dopo l’ultimo avvenuto del  luglio 2014!) basterebbe questo, associato all’aumento complessivo di 85 euro   in 4 anni e 6 mesi,  a  giudicare inutile per lavoratori  questo modo di svolgere attività sindacale.

Gli assunti dal 1° aprile avranno una riduzione del solo 10% invece che del 18%  sullo stipendio tabellare per 4 anni. Ma la perla é  aggiuntiva:  gli assunti con stipendio ridotto assunti prima della firma di questo contratto  avranno l’aumento  pagato non dai banchieri bensì  dagli altri lavoratori del settore mediante la trattenuta di una giornata di retribuzione versata al  Fondo bilaterale (che è finanziato solo dai lavoratori!)  e che integrerà la differenza.
La Fisac-Cgil  accetta così definitivamente che la bilateralità degli Enti  si sostituisca allo Stato o ai padroni  per finanziare gli ammortizzatori sociali e le deroghe contrattuali alle retribuzioni: anche qui si pratica nei contratti di categoria  quello che a livello confederale la CGIL contesta.

Viene confermata la riduzione del  TFR con l’effetto di compensare circa la metà del già misero aumento salariale previsto e di far  risparmiare i banchieri  sul contributo alle pensioni  integrative che nel settore sono prevalentemente a carico dei banchieri  con base di calcolo sull’importo del TFR.

La tutela dell’occupazione è finta: il sindacato accetta che si riassumeranno  i lavoratori  collocati nel Fondo Emergenziale, licenziati a seguito di accordi di ristrutturazione e non pensionabili, solo se lo vorranno le aziende.
Viene mantenuta per le aziende la possibilità di adibire i QUADRI a mansioni superiori senza riconoscimento della retribuzione o di adibirli a mansioni inferiori e viene concesso alle singole aziende di derogare (in peggio…) a livello aziendale agli inquadramenti  nazionali.

Dalla trattativa è stata espunta la questione dei permessi sindacali e dei distacchi conseguenti  che pure era stata sollevata formalmente  nel corso della stessa.

Perche le dirigenze sindacali hanno fatto tutto ciò nonostante l’ampia disponibilità alla lotta espressa dai lavoratori ?
“Il sindacato è un’altra cosa  opposizione-Cgil”  nella Fisac-Cgil

Milano  2 aprile 2015.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: