12 marzo: Presidio a Montecitorio contro la buona scuola di Renzi

Noi la scuola la facciamo tutti i giorni. Senza dichiarare riforme o assunzioni. Ogni giorno riformiamo il nostro agire in classe, adattiamo la programmazione alle esigenze dei ragazzi, riflettiamo e ci autovalutiamo, da soli e coi colleghi. Senza retorica alcuna.

Ogni giorno, prendiamo atto delle potenzialità e dei limiti che abbiamo come insegnanti singoli, come comunità, come scuola tutta. Perché valutare e auto-valutarci è parte del nostro “work in progress”. Solo questa considerazione sarebbe sufficiente a bloccare i progetti di “stigmatizzazione meritocratica” che il governo utilizza al fine di differenziare i salari degli insegnanti e i finanziamenti alle scuole.

Siamo contrari al “sistema Invalsi” e alle sue emanazioni culturali quali il “rapporto di autovalutazione”. Consideriamo dannoso il sistema di premialità che il governo ha messo in cantiere per gli “innovatori naturali”, la formulazione e pubblicazione dei curricula dei “crediti professionali, didattici, formativi”, le procedure di “mobilità orizzontale dei docenti mediamente bravi”.

I primi a volere una scuola di qualità siamo noi e i nostri alunni. Con loro, stiamo costruendo una mobilitazione che durerà tutta la giornata del 12 marzo. Siamo convinti che in questa fase abbiamo tutti il dovere di muovere critiche e costruire mobilitazioni al fine di tutelare e migliorare la scuola. Dobbiamo fermare i progetti governativi di privatizzazione della scuola italiana.

Il governo ha dichiarato di aver ascoltato il mondo della scuola attraverso la -fallita- consultazione on-line. Ha mostrato piena sordità verso le centinaia di mozioni critiche provenienti dai collegi dei docenti. E ha ostentato soggezione e mutismo verso le richieste di chiarezza piovutegli addosso dal mondo della scuola, dai sindacati, dall’opinione pubblica.

La bozza di decreto che sarà probabilmente trasformato in disegno di legge, presenta dei contenuti allarmanti. In primis, se è vero che il disegno di legge allunga i tempi dell’approvazione (anche se Renzi lo vorrebbe approvato entro giugno, cosa che ammazzerebbe qualsiasi possibilità di dibattito parlamentare) e questo è positivo, per un altro verso vanifica la possibilità di assunzione dei 148.000 precari annunciati in pompa magna nel documento sulla Buona scuola di Renzi. Ormai si parla, al massimo, di 50.000 assunzioni (nient’altro che il piano del ex ministro Carrozza) e la soppressione e non più lo svuotamento delle GAE: chi non è assunto, farà un nuovo concorso con i precari di II fascia.

Si prevede, inoltre, l’eliminazione di fatto degli scatti di anzianità (si parla di un aumento di soli 15 euro ogni tre anni). Con i soldi degli scatti di anzianità si pagheranno i docenti ‘mentor’ e ‘di staff’ (con un aumento del 10%). Il 70% servirà a dare gli aumenti sulla base di una graduatoria di istituto decisa dal nucleo di valutazione interno alla scuola, nominato dal DS. Per quanto concerne la formazione, gli insegnanti dovranno farla in modo gratuito, obbligatorio e senza limitazioni di orario. I docenti perderanno la titolarità della cattedra che il DS potrà assegnare all’insegnante anche senza una specifica abilitazione. Queste sono alcuni dei contenuti presenti nella bozza che, se approvati, stravolgeranno il modo di “fare” e di “essere” scuola. Tutto questo eleva la riforma della scuola a “questione” di carattere nazionale che deve stimolare il dibattito e mobilitare i cittadini.

Il paese ha bisogno di un dibattito che superi l’ormai celebre “annuncite” del governo e rimetta al centro le proposte provenienti dai cittadini. Pertanto, sosteniamo la Lip (ora Ddl 1583 al Senato e 2630 alla Camera) che, in contrasto radicale con la controriforma di Renzi prevede: l’investimento nella scuola del 6% del Pil nazionale (in linea con quanto in media investono i paesi UE); l’obbligo scolastico a 18 anni; il ripristino del tempo pieno e del tempo prolungato, classi di non più di 22 alunni (numero che diminuisce in presenza di alunni con disabilità); l’abrogazione della “riforma” Gelmini; una scuola finanziata interamente dallo Stato per evitare la creazione di scuole di serie A e B, la garanzia della libertà di insegnamento.

La centralità della libertà dell’insegnamento e del dibattito a scuola va rispettata poiché la scuola è il luogo della formazione culturale e civile dei cittadini futuri. L’ingresso di capitali, interessi e di discutibili pratiche di tirocinio in imprese private ci pare poco utile al processo educativo degli alunni e si delinea come potenzialmente dannoso agli equilibri di gestione interna delle scuole e, ancor più grave, alla libertà di insegnamento.

Abbiamo sempre denunciato i deficit di qualità della scuola provocati dalla spirale della precarietà che affligge la scuola e gli insegnanti. Consideriamo positivo l’intervento della Ue e le conseguenti dichiarazioni a favore dell’assunzione dei precari. Ribadiamo la necessità di assumere tutti i precari sui posti che si verrebbero a creare con la restituzione dei fondi tagliati dalla Gelmini e con l’abrogazione della legge Fornero (in questo modo le assunzioni riguarderebbero anche i precari di II e III fascia). Sappiamo che è giusto riconoscere -con l’assunzione- i saperi e la professionalità di migliaia di insegnanti che vivono una costante fase di specializzazione sul campo e che dobbiamo lasciare aperti i cancelli delle scuole a quegli studenti che hanno il desiderio di investire la loro vita nel mestiere dell’insegnamento.

Consideriamo fondamentale il rispetto della parte normativa del contratto collettivo nazionale di lavoro. A partire dai nuovi assunti. Le nuove assunzioni non devono essere il cavallo di troia per un nuovo modello di sfruttamento del lavoro nella scuola e nel settore pubblico. Così come non devono essere soggette a tagli salariali di ogni tipo, va anzi riconosciuto a tutti i lavoratori un immediato aumento salariale di 200 euro e, soprattutto, va rilanciata immediatamente una fase di contrattazione che riconosca al mondo della scuola un nuovo contratto.

Siamo convinti che la scuola sia il terreno naturale su cui aggregare una moltitudine di soggetti interessati alla difesa della democrazia, della cultura, della dignità del lavoro in questo paese.

Per questo chiamiamo tutti alla mobilitazione nello stesso giorno in cui manifestano gli studenti e in cui si tengono nelle principali città italiane iniziative e assemblee fuori e dentro le scuole:

GIOVEDI’ 12 MARZO ORE 16:30

PRESIDIO A MONTECITORIO

Lavoratori Autoconvocati della Scuola

http://autoconvocatiscuola.altervista.org/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: